Brevi

Riposto, i ragazzi dell’Istituto d’Istruzione Superiore in prima linea contro il bullismo

Un giro in barca per dire no al bullismo. Nella giornata organizzata dalla sezione ripostese della Lega Navale Italiana, in collaborazione con il Marina di Riposto e con il patrocinio dei Comuni di Giarre, Riposto e Mascali, gli alunni dell’Istituto Tecnico Trasporti e Logistica ‘L. Rizzo’, ex Nautico, sono stati gli speciali assistenti alla navigazione ed ai laboratori. I marinai di domani hanno condotto nell’area portuale la barca a remi, una delle imbarcazioni in dotazione all’Istituto d’Istruzione Superiore di Riposto. “La nostra scuola – spiega la dirigente scolastica Rosalba Mingiardi – partecipa sempre attivamente a tutte le iniziative a sfondo sociale e alle campagne di sensibilizzazione su temi importanti come il bullismo. Vogliamo che i nostri ragazzi non siano solo dei bravi studenti ma, prima e soprattutto, che siano donne e uomini di valore, promuovendo la cultura della solidarietà e del rispetto verso tutti. Ringraziamo la Lega Navale Italiana per l’occasione che ci ha fornito di discutere e approfondire un fenomeno purtroppo diffuso”.
Fiore all’occhiello della scuola è la barca a vela ‘Alba’, sequestrata dal tribunale di Messina agli scafisti nel 2018, in occasione di uno sbarco di migranti, nello specchio d’acqua davanti a Taormina, e assegnata tre anni dopo alla scuola grazie all’incessante lavoro del Dsga Danilo Rigatuso. Si tratta di una barca ‘Bénéteau Cyclades’, di 13,25 metri, dotata di vele Randa e Genoa, nonché di un motore di 55 cv Yanmar. Tra le dotazioni di bordo anche tre cabine con sei posti letto e tre bagni con servizi e doccia. L’imbarcazione è stata ristrutturata e, dopo un lungo periodo di lavoro, che ha visto protagonisti i ragazzi, ha spiegato nuovamente le vele e ha preso il largo.
“La disponibilità di una barca attrezzata ci consente – prosegue Rosalba Mingiardi – di offrire ai nostri studenti la possibilità di sperimentare sul mare quel che imparano in aula. La formazione in mare è fondamentale per i nostri studenti che acquisiscono la pratica necessaria a colmare il divario tra l’esperienza formativa e la realtà lavorativa. In tal modo la loro esperienza formativa sarà più solida e spendibile sul mercato del lavoro”.
Intanto, oggi è stato presentato il Corso per conseguire il brevetto di assistente bagnanti, che prenderà il via a fine febbraio, mentre a marzo verrà avviato un Corso di preparazione alla conduzione dell’imbarcazione a vela di 60 ore, svolto dai Comandanti del diporto Armando Patanè e Antonino Bauso, propedeutico al conseguimento della patente nautica, riservato ai ragazzi del Nautico. “La nostra è davvero una scuola al passo coi tempi – conclude la dirigente scolastica – Il nostro obiettivo è fornire agli alunni tutto il bagaglio di competenze, teoriche e pratiche, necessarie per intraprendere con successo una carriera lavorativa, sfornando figure altamente specializzate che svolgono il loro lavoro su navi mercantili o all’interno di cantieri navali”.

Articoli correlati

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: