Eccellenze

Le eccellenze siciliane protagoniste a Sanremo

Le eccellenze siciliane protagoniste a Sanremo: a sbarcare al festival della canzone italiana anche la città di Agrigento quale capitale della cultura 2025. L’occasione sarà “Sicilia, che meraviglia”, l’evento organizzato dall’associazione culturale “Luminescenze”, nata a Palermo come risultato dell’intenso iter formativo – promosso dall’Università degli Studi di Palermo – che ha coinvolto tutti i soci fondatori nel Master di II livello in “Eventi culturali, Heritage e Territorio”. L’associazione è una nuova realtà nel panorama cultura siciliano che mira a coniugare la conoscenza del patrimonio storico artistico – materiale e immateriale – e la promozione del territorio quale naturale scenario di valorizzazione condivisa e partecipata.
L’iniziativa dall’associazione palermitana intende rafforzare la capacità attrattiva della Sicilia, attraverso la presenza in una vetrina promozionale di alto valore, come il festival della canzone italiana strutturando una giornata dedicata alla Sicilia, durante una delle settimane più glamour dell’anno e con una grande attenzione mediatica.
Il 7 febbraio per un’intera giornata, lo Yacht Club di Sanremo farà da cornice alle eccellenze siciliane con uno stand dedicato tra musica, arte ed enogastronomia. Uno spazio espositivo all’ interno di uno dei Club in assoluto più attivi nell’attività agonistica internazionale che durante la manifestazione sanremese diviene polo attrattivo di personalità e giornalisti.
Lo Yacht Club di Sanremo offrirà̀ un format fatto di accoglienza ed intrattenimento in puro spirito siciliano: durante l’evento, i visitatori potranno scoprire i migliori vini dell’isola, gustare il buon cibo e incontrare personalità che rappresentano e sono diventate simbolo della Sicilia.
“Sul palco – spiegano gli organizzatori – si alterneranno istituzioni, personalità del mondo dello spettacolo e dello sport. Ognuno di loro racconterà un pezzo di Sicilia diverso, in un grande puzzle che compone quello che, non caso, è stato definito il continente Sicilia, per la sua diversità e unicità nei suoi vari territori. A Sanremo, per “Sicilia, che meraviglia”, anche il debutto assoluto di Agrigento come capitale della cultura”.
Il progetto di promozione utilizza attività mirate in chiave strategica, sfruttando la ribalta nazionale e internazionale che, nella contingenza, la cittadina ligure offre durante la manifestazione canora. Non a caso è stata scelta Sanremo proprio durante il Festival come prima tappa ideale di questo viaggio: la città dei fiori, infatti, in questi giorni capitalizza l’attenzione di tutti i media del mondo.
L’evento “Sicilia, che meraviglia” è stato ideato come itinerante. L’obiettivo è quello di promuovere, in giro non solo per l’Italia, le bellezze siciliane, raccontare il territorio, le sue eccellenze, il buono e il bello dell’isola, riscoprendo quel sentimento di Meraviglia che solo la sacralità di una terra magica come la Sicilia è capace di scatenare.
La giornata è stata pensata come un lungo storytelling di tutto quello che la Sicilia è in grado di offrire. Sul palco si alterneranno istituzioni, produttori, personalità del mondo dello spettacolo e dello sport. A raccontare l’eterogeneità siciliana saranno alcuni personaggi rappresentativi, come la cantante Francesca Alotta, il comico Sasà Salvaggio e altri come l’attore Vincenzo Ferrera di “Mare Fuori”, padrone di casa sarà Massimo Minutella. Ognuno di loro racconterà un pezzo di Sicilia diverso, in un grande puzzle che compone quello che, non caso, è stato definito il continente Sicilia, per la sua diversità e unicità.
Dopo il successo e il riscontro registrato alla Bit di Milano e al Fuori Bit, nella città dei fiori, farà il suo debutto la capitale della cultura italiana 2025: Agrigento e con essa le attività correlate che si terranno il prossimo anno. “Siamo veramente orgogliosi che Agrigento sarà ancora protagonista e motore per la promozione del nostro territorio e dell’intera Sicilia in una intensa giornata articolata tra storia, cultura, arte, musica e tradizioni passando per i profumi, i sapori e le immagini della nostra terra”- come si legge nella nota dell’ ufficio stampa
A seguire il racconto su come l’enogastronomia sia cultura in un affascinante viaggio tra eccellenze dei territori, luoghi da scoprire e storie di produttori e chef. E ancora un momento di stand-up comedy, un pranzo in stile siciliano, approfondimenti musicali, con la partecipazione di artisti, giornalisti e opinionisti.
La manifestazione si sposterà poi in Sicilia, con un roadshow che prevederà più tappe alla scoperta dei luoghi, dei personaggi, della millenaria storia e della personalità multiculturale di questa “meravigliosa isola”.

Articoli correlati

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: