SpettacoliTurismo

Alla Bit di Milano la Regione siciliana presenta Inferno di Dante tra gli eventi 2024

La conferenza stampa del presidente Schifani e dell’assessore Elvira Amata durante la Borsa internazionale del Turismo è stata completata da testimonianze su vari eventi, tra cui quella sullo spettacolo teatrale dei record, calato nel magnifico scenario delle Gole dell’Alcantara. L’assessore Amata, “Il luogo ha un fascino straordinario, se ci mettiamo dentro uno spettacolo come Inferno…”.  Il regista Giovanni Anfuso, “non immaginavamo tanto interesse: i tour operator segnalano che i visitatori organizzano le proprie vacanze chiedendo di vedere il nostro spettacolo”. La ricaduta sul territorio e l’importanza del ruolo dei sindaci. In estate, nel Parco botanico e geologico delle Gole, un Infopoint per la Comunicazione turistica del Parco Fluviale e dei Comuni, e una Sala Multimediale

“Abbiamo dimostrato come, facendo sistema e facendo squadra, l’offerta turistica siciliana possa essere davvero completa: le Gole dell’Alcantara a livello naturalistico hanno un fascino straordinario e se ci mettiamo dentro la Cultura e la musica con un uno spettacolo come l’Inferno di Dante…”.

Lo ha detto l’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo, Elvira Amata, al termine della conferenza stampa tenuta con il presidente Renato Schifani nell’area della Regione Siciliana della Borsa Internazionale del Turismo di Milano. L’evento era infatti completato dalle testimonianze sulle iniziative di borse, fiere ed eventi per il 2024. Si è parlato di TaoBuk, Borghi più belli in Sicilia, Castello di Taormina, Vie dei Tesori e Giovanni Anfuso ha raccontato dell’Inferno di Dante nelle Gole dell’Alcantara che, prodotto da Buongiorno Sicilia e Vision Sicily, ha avuto lo scorso anno il patrocinio del Ministero della Cultura.

È stata quella sinergia sottolineata dall’assessore Amata – fondamentale, per Inferno, il ruolo giocato dall’Amministrazione di Motta Camastra, guidata dal sindaco Carmelo Blancato – a consentire già in questi anni una ricaduta economica sul territorio grazie al richiamo turistico dello spettacolo.

“È stato davvero emozionante – ha detto il regista, che è anche autore della drammaturgia – parlare qui alla Bit del nostro lavoro teatrale: non immaginavamo tanto interesse”.

Tantissimi giornalisti sia italiani che stranieri – ha aggiunto Alessandro Vaccaro, che gestisce con i fratelli il Parco botanico e geologico delle Gole -, e tantissimi operatori del settore, ossia una presenza molto qualificata, tutti affascinati dalle immagini dello spettacolo nella cornice delle Gole del fiume Alcantara, tra i luoghi più magici dell’Isola, come dimostra la recente visita dei convegnisti dell’Associazione mondiale delle Guide turistiche”.

Nelle Gole, acqua e vento, nel corso dei millenni, hanno modellato nelle lave dell’Etna, fantastiche sculture di basalto colonnare, paragonabili soltanto, nel mondo, a quelle della Grotta di Fingal, in Scozia, il Selciato del Gigante, in Irlanda, e la cascata Svartifoss in Islanda.

“Abbiamo raccontato – ha detto ancora Anfuso – la nascita dell’idea di Inferno e il record dei centomila spettatori in tutte le repliche. Abbiamo narrato del rapporto con la Valle dell’Alcantara, con quella scenografia naturale che ha quasi preteso il nostro rispetto. Abbiamo pensato questo lavoro teatrale con personaggi che fossero in un certo senso partoriti da quell’ambiente, per essere riassorbiti dopo il loro infernale peregrinare.  Infine la promessa del ritorno, nell’estate del 2024, nelle Gole dell’Alcantara, anche perché i tour operator segnalano che i visitatori organizzano le proprie vacanze chiedendo di vedere il nostro spettacolo”.

Ciò conferma l’utilità del progetto di portare in Paradiso il Turismo dell’Alcantara, territorio che vanta trecentomila visitatori all’anno, sfruttando Inferno, un clamoroso successo tutto siciliano che ha premiato la collaborazione di imprenditori e amministratori locali sostenuti dall’ Assessorato regionale al Turismo.

Il pubblico di Inferno arriva, oltre che dalla Sicilia, da tutt’Italia. E tanti sono stati anche  i turisti stranieri. Lo spettacolo, dunque, servirà ancora a far conoscere a tutti le meraviglie della Valle dell’Alcantara e del suo Parco fluviale. Coronando il sogno di un imprenditore, Carmelo Vaccaro, scomparso vent’anni fa.

Nel 1971 il suo rifiuto di piegarsi a logiche mafiose portò le cosche a far saltare in aria la sua casa di Francavilla, uccidendo la moglie Eleonora e la figlia Daniela.

Nella prossima estate i figli di Vaccaro apriranno nel loro Parco botanico e geologico delle Gole, un Infopoint per la Comunicazione turistica del Parco Fluviale e dei Comuni, e una Sala Multimediale per mostre, film e documentari che raccontino il Territorio.

Articoli correlati

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: